MACOMER

La città di Macomer, capoluogo del Marghine, sorge a 572 metri sul livello del mare, arroccata sulle alte sponde basaltiche del rio S'Adde. Il suo territorio è caratterizzato da una grande varietà di paesaggi, da quello steppico degli altipiani di Campeda e Abbasanta, a quello collinare e montuoso della Catena del Marghine e del monte S. Antonio, che offrono la possibilità di effettuare escursioni archeologiche e paesaggistiche alla scoperta di ambienti e località non ancora deturpate dall'intervento umano. Macomer vanta un ricco patrimonio archeologico tra i più vari dell'isola, costituito da domus de janas, dolmen, nuraghi, tombe di giganti, testimoni di un eccezionale fervore di vita dovuto soprattutto alla sua felice posizione geografica, punto di passaggio obbligato fra Nord e Sud, Est e Ovest.



L'area dell'altipiano di Campeda è di profondo interesse anche dal punto di vista faunistico e in particolare ornitologico.
Nidifica, infatti, nell'altipiano la gallina prataiola Tetrax tetrax, e sono presenti specie di uccelli come l' Aquila Chrisaetos,
il Grillaio e il Falco Pellegrino e altre ben 23 specie.

.

Di grande interesse,la zona della Riserva Naturale di S.Antonio, presenta una vasta area boschiva caratterizzata da una rilevante presenza arborea di sughera, roverella, leccio e agrifoglio. All'interno del manto boschivo della Riserva naturale sono stati scoperti alcuni esemplari arborei di pregio naturalistico o scientifico tale, da essere considerati Monumenti naturali. All'interno della riserva hanno dimora diverse specie faunistiche protette.
L'area dovrebbe attirare in particolare l'attenzione degli appassionati di Birdwatching, che qui possono ammirare magnifici esemplari di uccelli come l'Astore Sardo, lo Sparviere, il Barbagianni, il Picchio rosso maggiore, lo Scricciolo, il Pigliamosche, la Cincia Mora, la Cinciallegra, la Ghiandaia, lo Zigolo Nero